Daniele Babbini e il "Caso Noemi". Il cantautore toscano che rivendica la paternità del brano di Sanremo "Per Tutta la vita" si racconta a Festival Blogosfere. Ecco l'intervista.

Scritto da: -

01.jpg

Nei giorni di Sanremo 2010 , tra le tante polemiche che hanno movimentato lo svolgersi del Festival, è esploso anche un "caso Noemi". L'Osservatorio Antiplagio, comitato di vigilanza sulla tv e sui media ha infatti rilevato una particolare somiglianza tra un brano in gara «Per tutta la vita» di Noemi e «Oggi però» di Daniele Babbini, cantautore e poeta toscano.

Quest'ultimo brano cantato dallo stesso Daniele Babbini, uscì come singolo nel 2003 e entrò per ben due volte nella classifica Fimi.

Daniele ne era anche autore assieme a Marco Ciappelli e Diego Calvetti, all'epoca suo produttore fino al 2004 ed ora produttore di Noemi.

«Per tutta la vita», il brano sanremese della brava cantante romana, che sta riscuotendo grande successo di critica e di vendite e che tanto somiglierebbe nelle strofe alla canzone di Babbini, porta invece le sole firme di Ciappelli e Calvetti.

 

Abbiamo pensato fosse interessante rivolgere qualche domanda a Daniele Babbini , per conoscerlo meglio e per capire di più come potrbbero essere andate le cose.

Ecco cosa ci ha raccontato.

 

1) Daniele Babbini è un poeta e un cantautore, nella sua vita d'artista ha ottenuto molti riconoscimenti importanti sia per i suoi versi che per le sue canzoni, che come è solito affermare, sono due elementi indissolubili. Ciao Daniele, a te come piace definirti?

Ciao Alessandra, beh è sempre difficile auto-definirsi in qualche modo… sono semplicemente una persona per cui la comunicazione è fondamentale, quasi come se avesse una funzione "terapeutica" e cerco di farlo usando il linguaggio che più mi viene naturale e che meglio mi permette di esprimermi, quindi a seconda dei casi uso la musica o la poesia… che poi sono parenti stretti...

2) Il tuo primo album si intitolava "sono cose che succedono". A te invece , il 16 febbraio scorso è successo qualcosa che non dovrebbe mai accadere nella vita di chi scrive canzoni. Ci vuoi raccontare cosa è accaduto?

Si è sollevato un caso piuttosto spiacevole per la somiglianza tra le strofe di "Per tutta la vita" presentata al festival di Sanremo da Noemi e quelle di una mia canzone "Oggi però" che uscì come singolo qualche anno fa, io non avendo seguito in diretta la prima serata del festival ho appreso la cosa da telefonate e messaggi di molte persone che hanno notato questa somiglianza, dopodiché la notizia è dilagata su internet ed è arrivata alla stampa.

3) Cosa prova un autore quando capita una cosa del genere e cosa fa per prima cosa?

Io sono rimasto molto sorpreso dalla quello che è accaduto e non saprei definire con esattezza quello che si prova, forse un senso di vuoto e disorientamento ed è per questo che in un primo momento non sapevo esattamente che fare.

4) Diego Calvetti, oggi autore e produttore di grande notorietà, nel 2003 è stato il tuo produttore.Vorrei chiederti che rapporto è stato il vostro allora e se vi siete parlati dopo "il fatto".

Diego è stato il mio produttore per quattro anni nei quali sono cresciuto molto, direi che abbiamo lavorato bene insieme e i miei primi risultati sono arrivati proprio in quel periodo, la stessa "Oggi però" è antrata due volte in classifica di vendita e ho avuto modo di fare molte belle esperienze, poi come spesso accade anche le migliori intese possono finire così la nostra collaborazione artistica si è interrotta ma noi abbiamo mantenuto comunque un buon rapporto.
Le relazioni che riguardano questa vicenda fanno parte di una sfera privata che vista la delicatezza del momento vorrei rimanesse tale.

5) La canzone di Noemi "Per Tutta la vita" è firmata Calvetti e Ciappelli, "Oggi però" è firmata Babbini, Calvetti e Ciappelli. Le due canzoni differiscono per testo e per ritornello e la parte "incriminata" è la strofa. In che modo potresti dimostrare che la parte che somiglia così tanto all'altra sia frutto della tua creatività?

"Oggi però" è regolarmente depositate alla S.I.A.E. e per di più è stata pubblicata nel 2003 da Emi, e questo è un dato di fatto.

6) Cosa pensi di Noemi?

Mi spiace che i nostri due nomi siano stati accostati per questa vicenda, è un artista che io stimo molto, ha una voce molto bella e riconoscibile e si è ritagliata con merito uno spazio molto importante nella musica italiana.


7) Tra gli addetti ai lavori, c'è qualcuno che ti sta sostenendo e dando ragione? E come pensi che finirà la vicenda?

Molti addetti ai lavori hanno espresso la loro opinione facendo notare le somiglianze
anche se su questa vicenda è stato detto e scritto un po' di tutto, spesso anche con delle imprecisioni.
Al momento non saprei come rispondere… credo che le cose debbano seguire il loro corso naturale…

8) Torniamo a te. Stai per uscire con un nuovissimo lavoro discografico, preceduto da un singolo. Ce ne vuoi parlare?

Si, da qualche mese sto lavorando al mio nuovo disco che si intitolerà "Cosa te lo dico a fare", un lavoro che manterrà alcuni dei tratti salienti del mio primo album, come le tematiche sociali e l'ironia, ma che aggiunge anche toni più acustici e intimistici con sonorità ripescate dal passato, ma decontestualizzate e inserite in atmosfere più moderne.
Nei prossimi giorni uscirà in radio il primo singolo estratto dal titolo quasi omonimo "Ma cosa te lo dico a fare…", una ballata che parla delle contraddizioni che ci spesso ci sono tra corpo e cuore, istinto e razionalità… ma del resto l'amore è pieno di contraddizioni…

 

http://www.myspace.com/danielebabbini

http://www.danielebabbini.it/

COPERTINA%20FRONTE.jpg

DANIELE BABBINI è un poeta e un cantautore ed è nato a Carrara nel 1976. Musica e poesia si intersecano da sempre nella sua vita d'artista. Come poeta ha pubblicato alcune raccolte, tra cui "L'ombra dell'anima" (La Versiliana Editrice) con cui ha vinto molti prestigiosi concorsi dei quali ricordiamoil premio letterario internazionale “Città di Lerici” e il premio letterario “Montegrotto-Città di Padova”. Con la raccolta Il violino del diavolo (Edizioni Clandestine) del 2006 ha partecipato alla Fiera Internazionale del Libro di  Torino e agli "Incontri con l'Autore" nell'ambito della XII Biennale - Internazionale di Scultura di Carrara. L'ultima sua raccolta è del 2009,  si intitola "l'Assetato stupore" (Edizioni Clandestine) e riceve (ancora inedita)  un premio speciale al “Premio Autore 2009” al Salone Internazionale del Libro di Torino e il terzo premio al “Città di New York”.

Come cantautore il suo esordio risale al 2003 con il singolo "Oggi però" (Emi) edito da Warner Chappel per cui Daniele svolge attività di autore. La canzone entra in classifica singoli (FIMI) per ben due volte e riscuote un buon  successo radiofonico anche in Francia. Nel 2007 esce un nuovo singolo "Lo psicanalista" . Un'altra sua canzone dello stesso anno "Libero Barabba" dà il nome ad una campagna internazionale di sensibilizzazione contro la pena di morte sostenuta da Edizioni Clandestine e da novembre 2007 viene trasmessa dal programma radiofonico Demo in onda su RAI Radio 1, che dedica a Daniele una puntata monografica
Nel Dicembre 2007 riceve il Premio Querciola – Cultura e Spettacolo e pubblica un nuovo singolo "Pane Caldo" in programmazione radiofonica nazionale e il cui video viene trasmesso tra le altre da All Music e Match Music.
Nell’ estate 2008 esce Meglio Solo, il suo primo singolo per la One E Music. Il brano entra in programmazione radiofonica nazionale, diventa la sigla del Festival Voci Nuove 2008 in onda su Rai Due e in Eurovisione e permette a Daniele di affiancare Gatto Panceri in tutte le date del suo tour estivo.
E' del  2009  il suo primo album “Sono Cose Che Succedono” prodotto da One E Music e distribuito da EMI, al quale collabora  Gatto Panceri, coautore di due delle dodici tracce dell’album. Il singolo estratto si intitola Precarioed esce il Primo Maggio, il cui video (o per meglio dire Photo-Clip) diretto da Daniele Stesso  entra in programmazione su Music Box. Il secondo singolo  Meglio Solo con relativo video esce in allegato al mensile Kiss Me in tutte le edicole.
Sempre nel luglio 2009 è ospite alla prima serata del “Premio Lunezia” e riceve la Vela di Marmo.
Nel settembre 2009 ottiene il Disco d’Oro per il singolo Meglio Solo. Il 12 settembre 2009 Daniele viene nominato Ambasciatore dei Diritti Umani nel corso del gran concerto per la Difesa dei Diritti Umani al PalaFiuggi.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Festival.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Entertainement di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano