SANREMO 2011 - Giovani : LE 5 DOMANDE BLOGOSFERICHE A MICAELA FOTI

Scritto da: -

1292576884546Micaela2.jpg

Micaela Foti ha 17 anni ed è nata il 25 maggio sotto il segno dei Gemelli  a Melito Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria.

Sin da piccola è  appassionata di musica, danza e  teatro, discipline che arricchiscono il suo percorso d’artista. Grazie al suo talento si afferma in molti concorsi canori importanti spaziando dalla musica leggera al gospel, fino ad approdare alla ribalta televisiva di Ti lascio una canzone (Rai Uno).

Ora Micaela con la canzone Fuoco e cenere fa parte della rosa dei 9 artisti in lizza per i 6 posti al Festival di Sanremo 2011.

È possibile ascoltare il brano sul sito www.sanremo.rai.it e votarlo fino alle ore 23.59 di sabato 29 gennaio 2011 (sms al 47222 digitando il codice “7″ oppure dal fisso 894.222) per farlo proseguire nel cammino che separa Micaela dal suo sogno, il palco del Teatro Ariston di Sanremo.

In attesa del 30 gennaio, data in cui si conosceranno i nomi dei 6 artisti promossi al prossimo Festival di Sanremo, le abbiamo rivolto  le nostre 5 domande di rito:

 

1 ) In poche battute, raccontati ai lettori di Festival.  

E’ difficile raccontarsi, ma ci provo. La musica , il canto ed altre espressioni artistiche hanno sempre fatto parte della mia vita, fin dall’età di 3 anni. Ho una mia personalità artistica basata su ciò che sono e sulle emozioni che riesco a trasmettere con le mie interpretazioni. La mia vita privata, invece, è quella di una ragazza di 17 anni che vive una vita sociale basata sui valori essenziali della vita in cui credo molto.

2) Cosa significa per te il traguardo Sanremo? 

 Ho sempre seguito il Festival di Sanremo, sia in televisione che dal vivo, al Teatro Ariston. I miei amici mi prendevano un po’ in giro perché non capivano questa mia passione e non condividevano il fatto che io volessi seguire tutte le serate del Festival fino alla sigla di chiusura. Sono cresciuta con il Festival, che ha sempre rappresentato per me un punto di riferimento importantissimo, come, penso, per milioni di italiani, anche nel mondo.

3) Come è nata la canzone con cui ti presenti al Festival ? 

E’ una canzone scritta da Luca Venturi, Luciano Nigro e Francesco Muggeo. Il significato è molto profondo e io l’ho sentita subito mia. Invito tutti ad ascoltarla perchè è una canzone d’amore nel senso più ampio del termine. E’ un amore che va oltre la vita. Io non ho il fidanzato e questo brano lo dedico a mio nonno che non c’è più e che “vive dentro me”, come dice una strofa di “Fuoco e Cenere”. E’ una poesia delicata e struggente…..”Petali di vita sfoglio sopra il tempo….come vento e polvere….come tutto e niente….”. Sono sicura che ognuno saprà interpretarla in maniera assolutamente personale!

4) Qual è stato il tuo percorso artistico fin qui e quali sono i tuoi punti di riferimento musicali?  

Ho iniziato a studiare canto moderno all’età di 11 anni, ma i miei genitori non mi hanno mai permesso di esibirmi fino all’età di 15 anni perchè ritenevano importante che io creassi delle basi solide e che affrontassi queste esperienze con un minimo di maturità artistica. A 15 anni ho partecipato ad alcuni concorsi canori nazionali molto importanti e li ho vinti. Da qui è nata l’opportunità di partecipare ad alcune trasmissioni televisive nazionali dalle quali ho imparato tantissimo! “Ti lascio una canzone” con Antonella Clerici è stata un’esperienza artistica fondamentale per la mia formazione! E’ stato un periodo in cui ho imparato molto con grandi Maestri e sono cresciuta artisticamente. Da lì sono nate tante cose, sono stata notata e prodotta dalla mia attuale etichetta, ed è stato pubblicato il mio primo singolo dal titolo “Da sola si” scritto per me da Gatto Panceri, autore delle canzoni più belle della musica leggera italiana e da Pat Legato,  già arrangiatore dei Simple Minds.  I miei punti di riferimento musicali sono diversi, da Alicia Keys, Mariah Carey, Barbra Streisand, Celine Dion, Donna Summer a Mina e Jenny B.

5) Se dovessi vincere la Categoria GIOVANI 2011, a chi dedicheresti la vittoria?  

Innanzitutto, alla mia famiglia che mi sostiene in questo percorso e alla commissione artistica del Festival che mi ha scelta in un momento in cui pochi credono “veramente” in noi giovani. A loro va tutta la mia riconoscenza.

 

LEGGI ANCHE LE INTERVISTE A :

MARCO MENICHINI 

ANANSI

INFRANTI MURI

SERENA ABRAMI

RAPHAEL GUALAZZI

BTWINS

GABRIELLA FERRONE (AREA SANREMO)

ROBERTO AMADE‘ (AREA SANREMO)

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Festival.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Entertainement di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano