MARTINA STAVOLO denuncia "le mafie che inquinano il mondo della musica" ed esalta Vasco Rossi. Pigmei Morgan, Ligabue e Venditti

Scritto da: -

martinastavolo.jpg

La giovanissima Martina Stavolo, 24 anni, una cantante già nota alle scene musicali non solo per le sue qualità ma anche per il carattere forte e polemico (in special modo per aver preso parte ad Amici 8 ed aver iscritto alla selezione on line di Sanremo Giovani 2011 un brano, poi rimosso, contro Maria De Filippi e contro il meccanismo del talent di Canale 5 - ndB), è intervenuta senza timori reverenziali nella polemica che ha diviso Vasco Rossi da alcuni suoi colleghi come Morgan, Ligabue e Venditti.

La Stavolo parteciperà al programma “Talent fest”, sabato sera su Raiuno in prima serata.

 Alla vigilia, durante le prove della sua canzone “Semplicemente stupendo”(dedicata non  a caso a Vasco Rossi e ,ndB, scritta da Angelo Anastasi e dal giornalista collaboratore di Vasco e direttore della rivista Satisfiction, Gian Paolo Serino) ha dichiarato:

Il problema più grosso è questo: ci sono mafie che inquinano il mondo della musica, a difesa e sostegno spesso anche di interessi inconfessabili; troppe bugie, troppi sgambetti, troppe ipocrisie. E soprattutto poco spazio per chi ha talento e per i giovani… Questo è il cancro della musica. Vasco  Rossi, a cui sabato dedicherò la mia canzone, è un grande, un vero rocker, un amico e un esempio per noi giovani, uno che ha  autenticità, verità, onestà intellettuale. Anche in questi giorni, oppresso com’è dal suo malessere. E gli altri cantanti, i pigmei che osano contestarlo? Strepitano per difendere le loro posizioni, le poltrone… Morgan è un esempio? Sì, ma per dire ai giovani: “Non comportatevi mai, mai, mai come Morgan.” Venditti? Si contrappone a Vasco per consumare l’ultimo scampolo di popolarità: meglio sarebbe se facesse due passi indietro! Infine, Ligabue: qui siamo alla sfacciataggine, di fronte ai giovani. Alla presa per il sedere: aveva annunciato che avrebbe fatto salire sul suo palco qualche nuovo talento…sì, ma quando non c’era lui!

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!